Venerdì 22 dicembre sciopero dei lavoratori della grande distribuzione cooperativa

Giovedì 21 Dicembre 2017
Foto di repertorio

Presidio a Ravenna nel parcheggio di Legacoop

Una nota dei tre sindacati riporta che Filcams, Fisascat e UILTuCS hanno proclamato, per venerdì 22 dicembre, uno sciopero dei lavoratori dei punti vendita della grande distribuzione cooperativa. I sindacati considerano inaccettabile il fatto che, a distanza di 4 anni, non ci siano le condizioni per arrivare al rinnovo del contratto collettivo nazionale di categoria.

Le confuse e strumentali comunicazioni che le cooperative stanno diffondendo in questi giorni dimostrano la debolezza delle argomentazioni prodotte che nascondono la volontà di non arrivare a un accordo. In occasione dello sciopero a Ravenna si svolgerà un presidio, con volantinaggio, di fronte al parcheggio di Legacoop in via Villa Glori. Il presidio si svolgerà dalle 10 alle 12. Filcams Fisascat e UILTuCS perseguono la ripresa del tavolo negoziale per assicurare il rinnovo del contratto nazionale della distribuzione cooperativa ai lavoratori del settore. Nel corso del negoziato le organizzazioni sindacali hanno legittimamente manifestato sensibilità e priorità diverse, sempre nell’ambito di un percorso saldamente unitario. Le cooperative di consumo continuano a enfatizzare il tema dell’assenteismo - che preferiremmo chiamare pagamento dei primi tre giorni di malattia - nascondendo quanto lunga è la lista delle problematiche poste dalle stesse. Le cooperative hanno purtroppo mantenuto prese di posizione di natura prettamente ideologica durante l’intero percorso della trattativa, anche sul tema della malattia, pretendendo di trovare una mediazione tutta sbilanciata a favore delle imprese, e con un contratto che peggiorerebbe diritti e retribuzione a fronte di un aumento salariale complessivamente più basso di quello di Confcommercio. I lavoratori della distribuzione cooperativa continuano a subire un progressivo peggioramento delle condizioni di lavoro. Non ci sono più giustificazioni sostenibili per ulteriori ritardi. Nella stessa giornata di venerdì 22 dicembre è previsto lo sciopero, sempre proclamato da Filcams Fisascat e UILTuCS, dei lavoratori delle aziende associate a Federdistribuzione.