Vaccini e scuola. Lettera sollecito del Comune di Rimini a 21 famiglie non in regola

Martedì 31 Luglio 2018 - Rimini
La mancata consegna della documentazione sulla posizione vaccinale comporta l'esclusione dalla frequenza scolastica

L'assessore Morolli: "la copertura della popolazione scolastica sta migliorando sensibilmente ma ora nessuna marcia indietro"

Sono 21 le famiglie riminesi "no vax". O meglio che, al termine previsto del 10 luglio scorso, non hanno presentato alcuna documentazione sulla regolare posizione vaccinale dei propri figli, iscritti all'anno scolastico 2018-2019, nei nidi e scuole di infanzia comunali di Rimini. Si tratta di famiglie che per il primo anno iscrivono i loro figli. A loro l'Amministrazione ha scritto lettere di sollecito ricordando come la mancata consegna di tale documentazione comporta l'esclusione dalla frequenza. 

Rimini, commenta l'assessore ai Servizi educativi, Mattia Morolli, la copertura della popolazione scolastica "sta migliorando sensibilmente". La citta' "ha dimostrato di poter recuperare lo storico gap regionale, avendo aumentato piu' di tutte le altre province il numero di studenti vaccinati. Un risultato. E ora "non arretra e non arretrera'".

Intanto, sottolinea, le lettere di richiamo stanno gia' dando i primi risultati. "I primi a rispondere, scusandosi e avviando gli iter, sono state proprio quelle che non avevano ancora comprese scadenze e prassi amministrative da avviare. Su questo andiamo avanti - conclude Morolli - dimostrando il massimo della disponibilita' e attenzione ma, al tempo stesso, la necessaria fermezza di posizione sul rispetto di quanto viene previsto dalla legge regionale e nazionale".