Trasporto rapido costiero: la prossima settimana partono i lavori per le nuove fermate a Rimini

Mercoledì 3 Gennaio 2018 - Riccione, Rimini
Il rendering di quella che sarà la stazione per il Trasporto rapido costiero che collegherà Rimini e Riccione

L'opera sarà completata nel 2018, per diventare operativa l'anno prossimo. L'assessore Frisoni: "Doterà il territorio di un sistema di mobilità efficiente, moderno ed ecologico"

Subito dopo l'Epifania partiranno, a Rimini, i lavori per le nuove fermate del Trasporto rapido costiero, che sara' completato nel corso dell'anno per diventare operativo nel 2019. Lo fa sapere il Comune, ricordando che dopo la firma del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, del decreto con cui sono stati assegnati 8,85 milioni per la fornitura dei nuovi veicoli a servizio del Trc, il piano delle opere continua come da cronoprogramma con l'ultimazione delle opere complementari al tracciato Rimini-Riccione. 

Dalla prossima settimana, dunque, cominceranno i lavori per le undici fermate del tratto riminese, mentre nei prossimi mesi continueranno le prove tecniche sull'infrastruttura. I primi test sono stati effettuati all'inizio di dicembre con i mezzi attualmente in uso per il trasporto pubblico locale. La fase del collaudo vera e propria e' prevista in una seconda fase, quando cioe' saranno disponibili i nuovi filobus.
I mezzi (Exqui.City18T) sono una versione aggiornata di un veicolo gia' in esercizio in diverse realta' italiane ed europee. Sono a trazione interamente elettrica (full-electric), quindi a emissioni zero anche dal punto di vista acustico e potranno trasportare fino a 150 passeggeri con 37 posti a sedere, con la possibilita' di permettere l'accesso a bordo di utenti con bicicletta.

"Con la firma del decreto del ministero, finalizzato al finanziamento dei nuovi mezzi, proseguiamo nel percorso che dotera' il territorio di un sistema di mobilita' efficiente, moderno ed ecologico - sottolinea l'assessore alla Mobilita', Roberta Frisoni - Si tratta di mezzi gia' in produzione e in servizio in altre citta', ecologici, adatti alle esigenze di tutti i passeggeri, che consentiranno anche il trasporto di bici al seguito".

Intanto, si stanno concludendo le opere a completamento del tracciato, con l'installazione delle fermate e delle pensiline. Non si trattera' solo di strutture a servizio dei passeggeri, aggiunge Frisoni, "ma elementi che consentiranno la riqualificazione urbana di alcune zone, oltre a determinare un nuovo modo di muoversi in citta'". La struttura e la dotazione tecnologica delle fermate saranno "funzionali alle molteplici esigenze dei viaggiatori sul fronte dell'accessibilita', della sicurezza e dei servizi, ma saranno anche realizzate in modo tale da inserirsi in maniera armonica nel contesto urbano, rappresentando un elemento di decoro".