StartUp Grind. A Rimini tutto esaurito per ascoltare i fondatori di Userbot Giarrusso e Paoletti

Domenica 14 Ottobre 2018 - Rimini

Maurizio Focchi, Presidente Nuove Idee Nuove Imprese: “Certi incontri sono una ventata di aria fresca, una iniezione di innovazione”

“Sono convinto che l’incontro tra aziende mature e nuove idee di imprese generi un’interconnessione feconda. Startup Grind Rimini & San Marino si pone come possibilità di scambio tra esperienze”. Maurizio Focchi, Presidente Nuove Idee Nuove Imprese, commenta entusiasta l’incontro dal titolo Let’s talk about Artificial Intelligence, evento organizzato da Startup Grind Rimini e San Marino, nato dalla collaborazione tra l’Associazione Nuove Idee Nuove Imprese e Startup Grind.

Sala piena a Rimini Innovation Square per ascoltare l'intervista di Antonio Giarrusso e Jacopo Paoletti sulla storia di Userbot. "Dopo il tutto esaurito a Maggio con Emil Abirascid, il Guru delle Startup Italiane, quello di meno di un mese fa parlando di Blockchain con Marco Crotta, Sergio Mottola e Andrea Iervolino a San Marino, il terzo appuntamento conferma la voglia di innovazione che c'è sul territorio romagnolo. In tre episodi, quasi 300 persone si sono trovate ad ascoltare testimonianze di Startup e Innovatori. Non vedo l'ora di continuare questa serie positiva con il prossimo appuntamento a Forlì il 13 Novembre, dove intervisterò un guru del digital italiano: Giuliano Ambrosio di Aquest". Ha dichiarato Andrea Roberto Bifulco, Direttore di Startup Grind.

Userbot è una startup italiana che ha sviluppato una tecnologia interamente proprietaria nell'ambito dell'Intelligenza artificiale applicata alla customer interaction. In sei mesi ha raccolto oltre 500.000 euro di investimenti, ha acquisito AGOS come cliente e ha stretto importanti collaborazioni con Enti locali.

Userbot studia l'integrazione di intelligenza artificiale e umana per la comprensione delle richieste dell'utente e delle emozioni del cliente, con l'obiettivo di interagire automaticamente con quest'ultimo su di una chat. “Quando le richieste diventano ripetitive – Giarrusso spiega - è possibile automatizzarle con efficacia. Userbot riconosce il significato della domanda, le priorità dei contenuti, perfino lo stato d’animo, e risponde. In questi casi è meglio affidarsi alla tecnologia, che lavora sulla quantità delle richieste consentendo alle persone di concentrarsi sulla parte qualitativa”.

Secondo Paoletti: "Entro 30-50 anni la forza dell’intelligenza artificiale pareggerà quella umana, quindi tutte le aziende devono iniziare a capire come approcciare questa tecnologia".

La giornata è stata anche l’occasione per ricordare che The Edge Company, la startup vincitrice della scorsa edizione di Nuove Idee Nuove Imprese, è stata selezionata a partecipare al Programma di accelerazione The Camp, in Francia, col progetto BCMS, il sistema per monitorare e classificare gli uccelli negli aeroporti. L’acceleratore d’impresa francese è finanziato da grosse realtà pubbliche e private, che hanno deciso di investire nelle idee per governare l’innovazione puntando sulla sostenibilità ambientale, invece di subire le nuove tecnologie in modo passivo.


Nuove Idee Nuove Imprese è la business plan competition che da 16 anni premia i progetti d'impresa innovativi che abbina un percorso formativo gratuito coordinato da docenti dell’Alma Mater Studiorum – Campus di Rimini per fornire le conoscenze di base per creare i futuri imprenditori, alternando lezioni teoriche ad attività pratiche. Oltre alle lezioni, anche il sostegno scientifico-formativo di Deloitte & Touche SpA.
All’edizione 2018 stanno partecipando 157 concorrenti da dieci regioni italiane. Il montepremi è di 19.000 euro, oltre ai finanziamenti agevolati del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia.