Savioli Spiaggia: il Comune dà il via libera al progetto di demolizione e ricostruzione

Domenica 24 Dicembre 2017 - Riccione
Il Savioli Spiaggia (immagine d'archivio)

Accolte quasi tutte le richieste della proprietà. Sorgeranno appartamenti turistici e una spa-centro benessere

Via libera da parte del Comune di Riccione alla demolizione e alla ricostruzione dell'edificio che ospitava l'albergo Savioli Spiaggia. Il progetto della Always Savioli srl potrà avvalersi delle nuove premialità riferite alle ristrutturazioni e riconversioni previste dal Regolamento Urbanistico ed Edilizio e potrà contare sull’incremento del 20% di superfice che può essere destinato alla realizzazione di nuovi appartamenti turistici ed un bonus di 380 metri quadrati per la realizzazione di una spa-centro benessere.

Si è fatta definitiva chiarezza sul progetto di riqualificazione del Savioli Spiaggia. La maggioranza politica (Lista civica Renata Tosi, Lista civica Noi Riccionesi, Lega, Forza Italia) che governa Riccione ha recepito il progetto di demolizione e ricostruzione presentato dalla società Always Savioli srl e ne ha accolto quasi tutte le richieste. Un passo decisivo e concreto verso il ripristino di un edificio che per troppo tempo è rimasto un buco nero nel centro della città, e che rappresenta un vero punto di svolta nel disegno di riqualificazione urbana di Riccione. Con il via libera il progetto potrà avvalersi delle nuove premialità riferite alle ristrutturazioni e riconversioni previste dal Regolamento Urbanistico ed Edilizio (RUE) e potrà contare sull’incremento del 20% di superfice che può essere destinato alla realizzazione di nuovi appartamenti turistici a1.b (residenza temporanea) ed un bonus di 380 metri quadrati per la realizzazione di una spa-centro benessere. Non è stata invece accolta la richiesta della traslazione della Superficie Utile Lorda (SUL) proveniente da un’altra struttura alberghiera a due stelle in disuso.

“Con questa decisione abbiamo dato seguito e concretezza alle nostre indicazioni che hanno sempre voluto favorire il recupero di uno dei 'monumenti' turistici della città - ha sottolineato la sindaca Renata Tosi -. Confidiamo adesso che la proprietà, alla luce delle certezze che ha chiesto e ricevuto, dia senza più indugio alcuno il via alle fasi di realizzazione del progetto. Ora ci sono tutte le condizioni possibili per recuperare anche il lungo tempo trascorso nella ricerca di una soluzione sostenibile, equilibrata e convincente. Siamo di fronte ad una svolta dopo anni di immobilismo - prosegue la sindaca - ora anche altri privati possono guardare con maggior interesse la realizzazione di progetti per l’intera area che ruota intorno al portocanale. L’attenzione crescente che stiamo riscontrando ci ha portati a considerare la trasformazione di quell’area nel suo insieme e quindi allargando le considerazioni anche alle aree private che potranno essere coinvolte nella riqualificazione dell’intero comparto del porto”.