Ravenna Festival. Cristina Muti torna alla scoperta delle giovani energie creative per il terzo anno

Lunedì 18 Febbraio 2019 - Rimini
Cristina Muti con la piccola Laura Varetto (foto Martina Zanzani)

Dal 19 febbraio aperte le iscrizioni alle audizioni in programma al Teatro Alighieri dal 20 al 24 maggio

È una chiamata che abbraccia tutta la Romagna e i ragazzi dagli 8 ai 18 anni. Ravenna Festival e Cristina Muti tornano così alla scoperta delle energie creative per il terzo anno consecutivo. Ma non chiamatelo talent. Non lo è. È piuttosto un incontro, un ascolto, un dialogo, un consiglio, un momento pedagogico insomma. E da domani martedì 19 febbraio sono aperte le iscrizioni alle audizioni in programma al Teatro Alighieri dal 20 al 24 maggio (audizioni che sono sempre aperte al pubblico, spettacolo nello spettacolo).

Cristina Mazzavillani Muti, Presidente di Ravenna Festival, per il terzo anno invita quindi i ragazzi di Ravenna e della Romagna, dagli 8 ai 18 anni, a prendere parte ad audizioni pubbliche. L’iniziativa non ha come scopo il conferimento di premi né il costituirsi di un cast per uno spettacolo, vuole invece continuare il censimento delle giovani energie creative del territorio, offrendo agli iscritti la possibilità di ricevere suggerimenti e consigli. Non ci sono esclusioni o limiti alle discipline artistiche presentate né ai contenuti, sempre liberamente scelti dai partecipanti: sono ammesse le arti dello spettacolo (senza distinzione né esclusione di generi), ma anche arti multimediali e discipline sportive, purché contemplino una componente artistica. Non sono previste preselezioni e sarà ammesso anche chi ha già partecipato nel 2017 e 2018, in questo caso anche se ha già superato i 18 anni. Anzi, Cristina Muti avrebbe piacere di rivedere anche i ragazzi che si sono già presentati per coglierne i cambiamenti e i progressi.

Anche quest’anno sarà il Teatro Alighieri - luogo simbolo nel cuore della città - ad aprire le porte ai più giovani, cui sarà offerta la possibilità di rispondere a una chiamata che è un segnale di apertura del mondo di chi opera per la cultura nei confronti dei ragazzi, per stimolarne l’impegno e la creatività. “A volte è proprio lo sguardo dei più giovani che rivela prospettive sorprendenti - sottolinea Cristina Muti - perché nel loro mettersi in gioco, senza preconcetti, senza falsi pudori, anche le nostre convinzioni e la nostra percezione si trasformano e si rinnovano”.

“Il progetto di ascolto e incontro di queste giovani energie è stata la scelta giusta: metterle in campo è il sistema più fecondo per lavorare in seno alla nostra comunità, alla nostra realtà. Un Festival che voglia essere un punto di riferimento per tutti coloro che amano la musica e l’arte non vive soltanto di grandi interpreti internazionali e grandi produzioni, ma anche di sensibilità e attenzione per quelle giovani energie creative che germogliano proprio sotto i nostri occhi. Abbiamo il dovere di ascoltare i più giovani anche per programmare a loro favore il Festival del futuro” aggiunge Cristina Muti.

Non è escluso che, come accadde per il primo anno, anche quest'anno ci sia all'interno del Ravenna Festival una serata speciale dedicata a questi giovani musicisti, danzatori, artisti in erba. "La cosa più bella e importante - conclude Cristina Muti - è che diversi di loro, dopo avere fatto le audizioni si sono avvicinati al festival, al teatro e si sono iscritti a scuole per perfezionarsi, per coltivare la loro passione." L'intenzione insomma non è tanto quella di scoprire talenti ma di aiutare questi ragazzi a coltivare passioni e a nutrirle con i giusti suggerimenti. Un elemento dalla forte carica pedagogica.

Il percorso di incontri, che si terranno quest’anno tra il 20 e il 24 maggio, indicativamente dalle 14 alle 19.30, sarà accessibile senza preselezione, in ordine di iscrizione fino a un massimo di 200 partecipanti. Le iscrizioni, esclusivamente via e-mail, saranno aperte a partire da martedì 19 febbraio fino a giovedì 18 aprile, con il solo limite dell’età (dagli 8 ai 18 anni, ma chi ha già partecipato nel 2017 e/o 2018 sarà ammesso anche se ha superato i 18 anni). Possono partecipare singoli e gruppi (fino a 5 persone). A presiedere la commissione sarà Cristina Muti, affiancata dalla Direzione del Festival. Il modulo di iscrizione sarà scaricabile dal sito www.ravennafestival.org

INFO - 0544 249219 - segreteria@teatroalighieri.org

 

Foto Luca Concas