Cronaca. Il Maresciallo Maggiore Francesco Fabbri è il nuovo Comandante di Stazione di Montescudo

Giovedì 27 Dicembre 2018 - Cattolica - Valconca
Il Maresciallo Maggiore Francesco Fabbri

Montescudo – Monte Colombo ha un nuovo Comandante di Stazione. Da alcune settimane, in sostituzione del Luogotenente Gianfranco Trivilino, collocato in congedo, è stato nominato il Maresciallo Maggiore Francesco Fabbri. Quarantatre anni, laureato in giurisprudenza e Scienze dell’Amministrazione, inizia la sua carriera nel 1997 in una Stazione della Sicilia per poi approdare nel 2011 (dove rimarrà fino al 2018) al comando dell’Aliquota Radiomobile di Comacchio (FE).


In questi ultimi giorni, il Maresciallo – d’intesa e sotto le direttive del proprio Comandante di Compagnia, Cap. Marco Califano – ha intensificato la presenza delle proprie pattuglie in zona, conseguendo già degli ottimi risultati operativi. Di seguito i principali sviluppi operativi raggiunti sia dalla Stazione di Montescudo Montecolombo, sia dalle restanti Stazioni dipendenti dalla Compagnia di Riccione, che in questi giorni di festa hanno dato il massimo impegno nelle attività di presidio e controllo del territorio.


A Montescudo sono stati denunciati
: P.M.G., un 31 enne del luogo colto nell’atto di rubare dall’interno di un’autovettura parcheggiata una borsa contenente la somma di 660 euro, successivamente restituita ai legittimi proprietari; S.I., un 63 enne rumeno, in Italia senza fissa dimora, controllato nella notte a Montescudo e trovato in possesso di un coltello a scatto e due coltelli a lama fissa, poi sequestrati.  

A Riccione, invece, sono stati denunciati nel corso dei servizi straordinari di controllo del territorio degli ultimi giorni: - G.C., 52 enne napoletana, residente a Riccione, ritenuta responsabile di furto aggravato. Le indagini dei militari della Stazione di Riccione, in seguito a denuncia di furto di un cellulare avvenuto all’interno di un esercizio commerciale, ha consentito con la visione delle immagini a circuito chiuso dell’esercizio, di attribuire all’indagata la responsabilità del furto riconosciuto dalla derubata; - N.A., 28 enne, R.N., 25 enne e S.P., 20 enne, tutti bolognesi, ritenuti responsabili, in concorso fra loro, di furto aggravato. I militari della Stazione di Riccione, a seguito di denuncia di furto di una borsa presentata da A. A., avvenuto nel parcheggio di un centro commerciale di Riccione hanno visionato le immagini a circuito chiuso dell’esercizio commerciale riconoscendo i tre giovani. Mentre la vittima era intenta a riporre la spesa nel bagagliaio, con mossa fulminea, i tre si sono impossessati della borsa che era sul sedile anteriore, contenente la somma contante di euro 700,00 e carte di credito. Refurtiva recuperata; -A.A., 30 enne e -K.A., 18 enne, entrambi tunisini, domiciliati in Cattolica, ritenuti responsabili, in concorso fra loro, di furto aggravato. I militari della Tenenza di Cattolica, hanno rintracciato i due indagati che poco prima si erano impossessati di alcuni generi alimentari, in un supermercato di Cattolica, per un valore di circa euro 50,00. Refurtiva recuperata e restituita all’avente diritto; -M.S., 26 enne pregiudicato albanese, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. I militari della Stazione di Misano Adriatico hanno controllato l'indagato che era stato visto appartarsi altri giovani nelle vicinanze di una discoteca della zona, trovandolo in possesso di gr. 4,80 di cocaina e la somma contante di euro 1.725,00 ritenuta provento di attività di spaccio; -B.M.,27 enne residente a Rimini, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari della Stazione di Coriano in località Cerasolo, hanno controllato l'indagato a bordo della propria autovettura, trovandolo in possesso di gr. 8,00 di cocaina; -F.G.R.,40 enne, residente a Coriano ritenuto responsabile di evasione. L’indagato - sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con la prescrizione del divieto di contatti con persone al di fuori del proprio nucleo familiare, per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti – è stato sorpreso dai militari della stazione Carabinieri di Coriano, fuori dalla propria abitazione in compagnia di altre persone.


Nel corso dei servizi di controllo disposti negli ultimi giorni dal Comando di Viale Sirtori di Riccione, inoltre, sono stati segnalati alla competente Autorita’ amministrativa nove assuntori trovati in possesso di complessivi gr. 0,10 di cocaina, gr.4,58 di hashish e gr.54,05 marijuana (art. 75 d.p.r. 309/90); sottoposte a controllo 57 auto e 113 individui.