GiovinBacco 2018. Torna la grande festa del vino e del cibo di Romagna: special guest, i formaggi

Giovedì 27 Settembre 2018
Da sinistra: Mauro Zanarini, Maria Angela Ceccarelli, Nevio Ronconi, Massimo Cameliani, Antonio Perrucci

Dal 26 al 28 ottobre la kermesse animerà il centro storico di Ravenna - Novità 2018: i "Formaggi a Palazzo" all'interno di Palazzo Rasponi dalle Teste e la piazza della pasta fresca e della piadina a cura di CNA

A Ravenna è già tempo di “GiovinBacco in Piazza”. Il 26, 27 e 28 ottobre il centro storico della città ospita la grande festa del vino e cibo di Romagna. “GiovinBacco. Sangiovese in Festa”, la più grande manifestazione enologica dedicata al Romagna Sangiovese e agli altri vini romagnoli, giunge alla XVI edizione e si appresta a conquistare ancora una volta il cuore di Ravenna, dopo il grande successo delle ultime edizioni. La presentazione oggi, giovedì 27 settembre, in Municipio.

 

Realizzato con il patrocinio e la compartecipazione del Comune di Ravenna, nonché con la collaborazione di numerosissimi soggetti pubblici e privati, alla presentazione hanno preso parte l’Assessore comunale al Commercio e alle attività produttive del Comune Massimo Cameliani, il Presidente dell’agenzia Tuttifrutti Nevio Ronconi e da Maria Angela Ceccarelli e Mauro Zanarini della Condotta Slow Food di Ravenna.

L’Assessore al Commercio e alle attività produttive Massimo Cameliani ha sottolineato: “La presenza di GiovinBacco nel cuore di Ravenna costituisce un importante fattore di attrazione di cittadini e turisti nel nostro centro storico, tale da renderlo sempre più bello e accogliente. La manifestazione è importante perché sa fare rete, sa valorizzare i produttori, gli agricoltori e gli artigiani del territorio e sa integrarsi con la rete commerciale del centro, che a sua volta ne trae importanti benefici. Un modo intelligente di fare sistema per Ravenna e per la Romagna.”

Assente per impegni istituzionali, l’Assessore regionale al Turismo Andrea Corsini ha inviato un messaggio per motivare il sostegno della Regione a GiovinBacco: “I turisti stranieri considerano la cultura e il cibo la principale motivazione del viaggio in Italia e, nel complesso, la spesa dei turisti italiani e stranieri in prodotti tipici vale ben 12 miliardi nel nostro Paese, ovvero un terzo della spesa di tutto il settore turistico. Valorizzare le eccellenze enogastronomiche del territorio come fattore attrattivo, dunque, è strategico per aumentarne ulteriormente il nostro appeal e la nostra competitività. L’Emilia-Romagna guida la classifica italiana delle eccellenze a marchio europeo con 44 prodotti tra Dop e Igp, a cui vanno aggiunti 24 vini Dop e 9 Igp, 15 Presidi Slow Food e oltre 200 prodotti tradizionali iscritti nell’Atlante ministeriale. Siamo una regione da record: ben vengano dunque eventi come GiovinBacco che valorizzano il nostro vino e le altre eccellenze gastronomiche.”

 

Nevio Ronconi Presidente di Tuttifrutti ha illustrato le principali caratteristiche dell'edizione 2018 e le novità che, come ogni anno, non mancano. E ha sottolienato in particolare la tela delle collaborazioni virtuose di GiovinBacco che "coinvolge ben 150 aziende, attività economiche, enti e associazioni di diverso tipo, gli artigiani, i commercianti, i contadini, le cooperative, le associazioni di volontariato e poi le istituzioni culturali come il Ravenna Festival, il MAR e RavennAntica."

Maria Angela Ceccarelli e Mauro Zanarini di Slow Food hanno presentato il ruolo dell'Associazione in GiovinBacco sempre più importante e qualificato, secondo i dettami della filosofia del movimento, quella del cibo buono, pulito, giusto e sano. La grande novità di quest'anno è la vetrina dei formaggi regionali, italiani e internazionali a Palazzo Rasponi dalle Teste, che potrebbe e dovrebbe diventare ogni due anni - nelle intenzioni - una delle principali vetrine in Italia dopo Cheese, la storica manifestazione di Slow Food che si tiene anche questa ogni due anni a Bra.

 

 

PIAZZA DEL POPOLO - LA PIAZZA DEI VINI DI ROMAGNA

GiovinBacco propone i vini di Romagna in degustazione in Piazza del Popolo: il pubblico potrà assaggiare i vini romagnoli - Sangiovese, Albana e tanti altri vini locali a scelta delle diverse cantine - con un allestimento che facilita la degustazione e il contatto fra pubblico, produttori e sommelier. Inoltre, MTV Emilia-Romagna Movimento del Turismo del Vino e La Strada di Romagna saranno presenti con spazi autonomi e con una buona selezione di vini emiliani e romagnoli. Piazza del Popolo ospiterà poi il banco di vendita del vino per beneficienza gestito grazie al service del Lions Club Ravenna Bisanzio (in conferenza stampa è intervenuto il Presidente Antonio Perrucci che ha sottolineato l'importante collaborazione).

In piazza sarà allestita infine la postazione del Sert per illustrare al pubblico i pericoli legati all’abuso di alcol, in particolare se associato alla guida. Il dottor Matteo Girotti del Sert ha ricordato l'importanza del modello del bere lento, consapevole e contestualizzato proposto da una manifestazione come GiovinBacco. Anche il Piatto Stuzzichino sarà riproposto grazie alla collaborazione di Coop Alleanza 3.0 che offre i suoi prodotti, a cui si aggiunge Felsineo con la sua mortadella Igp.

 

PIAZZA KENNEDY - LA PIAZZA DEI VINI ITALIANI, DEL CIBO DI STRADA E DI SLOW FOOD

In Piazza Kennedy troveranno posto altri importanti vini per il pubblico: grandi e ottimi vini italiani premiati con la chiocciolina di Slow Food dalla Guida Slow Wine: ovvero tante etichette italiane di alta e media gamma segnalate per la qualità o per il miglior rapporto qualità/prezzo. Piazza Kennedy ospita anche gli stand di Slow Food e dell’Associazione Il Lavoro dei Contadini. L’Associazione Il Lavoro dei Contadini propone prodotti agricoli, artigianato artistico e piatti cucinati al momento. Slow Food propone libri, informazioni e incontri sul movimento e sul cibo oltre ai famosi Presìdi Slow Food.

Una parte della grande piazza è dedicata al cibo di strada proposto da ristoranti romagnoli e dall’Alleanza Slow Food dei Cuochi con la presenza di:

  • Osteria del Gran Fritto
  • Osteria La Campanara
  • I Passatelli 1962 Osteria del Mariani
  • Ristorante Casa Spadoni
  • Ristorante Amarissimo
  • Ristorante Al Deserto
  • Ristorante Vecchia Canala
  • Alba Bistrot / Finisterre Beach
  • A cui si aggiungono tre prodotti molto sfiziosi: il bartolaccio di Tredozio, il burlengo e la crescentina di Pavullo.

 

PALAZZO RASPONI DALLE TESTE - “FORMAGGI A PALAZZO”

Quest’anno Slow Food propone nello storico Palazzo Rasponi che dà su Piazza Kennedy una grande novità: “Formaggi a Palazzo”, una mostra mercato dei formaggi dell’Emilia-Romagna e una selezione di grandi formaggi italiani e stranieri. Nel palazzo una sala sarà attrezzata per laboratori e chiacchierate sempre a cura di Slow Food. Non mancheranno gli abbinamenti dei formaggi con i vini passiti e una selezione di vermouth.

SALONE DEI MOSAICI - Anche nel Salone dei Mosaici - che si affaccia su Piazza Kennedy con ingresso da Via IX febbraio - si terranno Laboratori del Gusto e incontri, oltre alla mostra fotografica storica “La Regia Marina Militare Italiana nel Porto Canale Corsini 1915-1918. Centenario 1918-2018”.

 

PIAZZA UNITÀ D’ITALIA - LA PIAZZA DELLA PASTA FRESCA E DELLA PIADINA

Altra novità nell’ex piazzetta delle carceri e delle poste a fianco di Piazza del Popolo: in questo ampio spazio saranno allestiti sei diversi chioschi di piadina e pasta fresca, gestiti dai negozi artigiani di CNA Ravenna, che avvia così una stretta collaborazione con GiovinBacco. Lo ha ribadito in conferenza stampa Maurizio Gasperoni di CNA Ravenna che ha parlato del ruolo centrale svolto dagli artigiani in tutte le pieghe della manifestazione.

 

IL MERCATO DI MADRA E GIOVINBACCO

Anche quest’anno sabato 27 e domenica 28 ottobre GiovinBacco è affiancato da MADRA, il Mercato Agricolo Domenicale di Ravenna, che per l’occasione si tiene per due giorni. Il mercato agricolo di MADRA e dei produttori agricoli e artigiani di GiovinBacco si tiene sotto i portici delle vie Mario Gordini e Corrado Ricci.

I PREMI GIOVINBACCO: SANGIOVESE RISERVA E ALBANA - Nella giornata di venerdì 26 ottobre in mattinata si riunisce la Giuria tecnica che stabilisce i vincitori 2018 del Premio Romagna Albana e del Premio Romagna Sangiovese Riserva di GiovinBacco. Nel pomeriggio, la premiazione dei vini vincitori.

 

RAVENNA FESTIVAL E LE BANDE MUSICALI - IL CARNET CULTURA

Grazie alla collaborazione con Ravenna Festival e con la sua Trilogia d’Autunno dedicata all’opera italiana (Nabucco - Rigoletto - Otello), durante le giornate di GiovinBacco le bande musicali di Ravenna, Russi e Santa Sofia porteranno musica, festa e allegria per le vie e le piazze del centro, come ha ricordato in Municipio Franco Masotti Direttore artistico del festival.

TURISMO E CARNET CULTURA - A chi visita Ravenna durante il GiovinBacco è riservato il pacchetto turistico che ha lo stesso nome della manifestazione, proposto da Ravenna Incoming. Inoltre, per chi vuole associare i piaceri del vino e della tavola al piacere della cultura è stato studiato per il secondo anno il Carnet Cultura che prevede per chi acquista le degustazioni di vino a GiovinBacco sconti o agevolazioni agli spettacoli della Trilogia d’Autunno del Ravenna Festival, MAR per la mostra ?WAR IS OVER, alla Domus dei Tappeti di Pietra e alla Cripta Rasponi, infine alle proiezioni del Ravenna Nightmare Film Fest.

 

LA FORMULA DELLA FESTA DEL VINO

A GiovinBacco in Piazza 2018 l’ingresso è libero. Per gli assaggi di vino sono a disposizione carnet di tagliandi per le degustazioni, che si acquistano in Piazza del Popolo e in Piazza Kennedy. I carnet sono da 4, 6 e 10 degustazioni. Il costo dei carnet è popolare, va da un minimo di 8 a un massimo di 15 euro con il calice, e da un minimo di 6 a un massimo di 13 euro senza calice. Ai soci Slow Food, AIS, AIES, Onav, Romagna Visit Card, Coop Alleanza 3.0 e ai possessori dei tagliandi “Il Piatto GiovinBacco” è riservato 1 tagliando degustazione gratuito per ogni acquisto di un carnet da 4 consumazioni; 2 tagliandi gratuiti per ogni acquisto di carnet da 6 e 10 consumazioni. A GiovinBacco è vietata la degustazione del vino per i minori di 18 anni. I biglietti per l’assaggio del cibo di strada si acquistano presso i singoli stand o i chioschi e gli acquisti alle bancarelle del mercato agricolo e artigianale si fanno direttamente al banco vendita. Anche quest’anno c’è la possibilità di pagare con il bancomat o l’app di Satispay usufruendo di agevolazioni e sconti sulle consumazioni con il semplice utilizzo di un cellulare.

 

ALTRE INIZIATIVE E COLLABORAZIONI

GiovinBacco, in collaborazione con Confcommercio, Confesercenti e con i ristoranti del territorio, propone anche quest’anno “Il Piatto GiovinBacco“, iniziativa volta a promuovere il Romagna Sangiovese di qualità sulle tavole e in cucina. Sono ben 45 i ristoranti aderenti che dall’1 al 28 ottobre presentano ai loro clienti piatti a base di Sangiovese o abbinamenti di pietanze con bottiglie di Sangiovese, come ha ricordato Raffaele Didonè di Confcommercio. All’iniziativa è legato un concorso che mette in palio bottiglie di ottimo vino.

GiovinBacco continua a essere ambasciatore del Romagna Sangiovese in Italia, portando il nostro vino di eccellenza in molti ristoranti e osterie della Guida Slow Food delle varie regioni. Prosegue poi la collaborazione di GiovinBacco con wine bar, forni e pasticcerie, gelaterie ed enoteche sempre all’insegna del Sangiovese. Per i visitatori della manifestazione c’è un concorso a premi - Vieni al GiovinBacco e Vinci - che mette in palio tante bottiglie di vino. Per partecipare all’estrazione occorre compilare il modulo d’iscrizione presso la postazione di Piazza del Popolo.

IL BUS NAVETTA GRATUITO - Anche quest’anno la manifestazione potrà essere raggiunta con comodità grazie all’istituzione del servizio gratuito di bus navetta messi a disposizione dall’Amministrazione comunale.

 

INFO 339.4703606 / 0544.509611 www.giovinbacco.it  / facebook.com/giovinbacco