Furti. Rubano merce al Centro Commerciale "Malatesta": marito e moglie arrestati dalla Polizia

Venerdì 30 Novembre 2018 - Rimini

Nella decorsa serata, pattuglie di volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura sono intervenute presso il Centro Commerciale “Malatesta” di Rimini, in quanto era giunta una segnalazione relativa a due persone, marito e moglie, fermate dopo aver rubato della merce all’interno del Centro. 

I due soggetti venivano subito notati da un vigilante di sorveglianza, insospettito dal fare furtivo della coppia che si aggirava tra i scaffali guardandosi più volte intorno. I due prelevavano diversi prodotti dagli scaffali del reparto di apparecchiature elettroniche, che venivano riposti all’interno del carrello ove era stata appoggiata anche la borsa della donna.

Dopo aver sostato alcuni minuti in una zona del magazzino non sottoposta a controllo delle telecamere, il vigilante notava che il carrello in uso alla coppia risultava completamente vuoto. Continuando nei loro giri, la donna prelevava anche un carica batterie portatile che, una volta estratto dalla sua confezione, veniva riposto all’interno della borsa, mentre la confezione veniva messa dall’uomo nel fondo dello scaffale. I due dopo aver acquistato alcune bibite, si avviavano verso le casse per effettuare il pagamento di quest’ultime ed oltrepassare le barriere.

Qui i due venivano bloccati dagli addetti alla vigilanza che nel frattempo avevano allertato la sala operativa della Questura per la richiesta di intervento sul posto.

Vistosi scoperti, la coppia ammetteva subito le proprie responsabilità consegnando tutta la merce trafugata del valore di 400 euro circa.

Accompagnati in Questura la coppia, un 48 enne e una 43enne entrambi di origine albanese, venivano tratti in arresto per furto aggravato in concorso e su disposizione dell’A.G., posti agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa del rito per direttissima che ha convalidato l’arresto condannandoli entrambi a mesi 8 di reclusione, pena sospesa.