Cronaca. Tre ragazzini rubano indumenti al Coin di Rimini, bloccati dalla Polizia di Stato

Martedì 2 Ottobre 2018 - Rimini

Nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì 1 ottobre 2018, tre ragazzi sono stati avvistati dagli addetti alla sicurezza del Coin di Rimini mentre rubavano indumenti tra gli scaffali nel reparto maschile. La Polizia, avvisata tramite Sala Operativa, ha inviato una pattuglia che ha immediatamente bloccato i ladri in possesso della refurtiva. Questi ultimi avevano superato le barriere antitaccheggio tramite alcuni specifici accorgimenti. Arrestato un 19enne con precedenti e denunciati due minorenni. 


Stando alle ricostruzioni fornite dalla Questura di Rimini, all'interno del Coin, un 19enne di origine albanese reggeva una borsa di grande dimensioni mentre, un minorenne riminese, prelevava dai vari scaffali alcuni indumenti e li infilava con fare repentino all’interno della suddetta borsa, senza quasi guardare o provare alcun capo. La terza persona coinvolta nel gruppo, una ragazza - anch’essa minorenne -, controllava eventuali sguardi di curiosi o addetti alle vendite, schermando con il proprio corpo le azioni dei compagni ed evitando il passaggio di persone nelle vicinanze.

Richiesto immediatamente l’intervento della Polizia tramite Sala Operativa, la pattuglia intervenuta, appena giunta sul posto, è riuscita a bloccare i tre ragazzi che, oltrepassate le barriere antitaccheggio senza che queste suonassero, si stavano dirigendo all’uscita. Da un controllo effettuato all’interno della borsa trovata in loro possesso, schermata con alcuni strati di alluminio e nastro adesivo da pacchi, sono stati ritrovati gli indumenti occultati (tutti marca Calvin Klein), del valore totale di oltre 300 €. L’attività criminosa del terzetto è stata confermata dalla visione del filmato riprodotto dal sistema di videosorveglianza interna del magazzino, nel quale si distinguono chiaramente i tre giovani in azione.

I tre ragazzini sono stati accompagnati in Questura dove, il 19enne, già noto alle forze dell’ordine e che annovera a proprio carico altri precedenti di Polizia specifici per furto aggravato, è stato arrestato per il reato di furto pluriaggravato in concorso e trattenuto in attesa del rito per direttissima previsto nella mattinata del 2 ottobre. I due minorenni, invece, sono stati denunciati in stato di libertà per il medesimo reato.