Capodanno, Questura di Rimini: "Bilancio ampiamente positivo sul fronte della sicurezza"

Martedì 2 Gennaio 2018 - Bellaria - Valmarecchia, Cattolica - Valconca, Riccione, Rimini
A Capodanno impegnati per la sicurezza oltre 250 agenti e militari delle forze dell'ordine (foto Questura Rimini)

Improta: "Per la gestione dell'ordine pubblico un lavoro articolato e di prevenzione che parte da lontano"

"E' stato un capodanno trascorso all'insegna del divertimento e dell'allegria quello appena vissuto in riviera dai riminesi, ma soprattutto dalle centinaia di migliaia di turisti che hanno scelto Rimini e le altre località della provincia per brindare al 2018. Il tutto si è svolto in una cornice di sicurezza - alla quale hanno contribuito donne e uomini della Polizia di Stato e di tutte le altre forze dell'ordine - che ha permesso l'ordinato e regolare svolgimento di tutti gli eventi programmati". Così, in una nota, la Questura di Rimini traccia il  bilancio - definito "ampiamente positivo" del week-end di passaggio fra 2017 e nuovo anno.

I concerti e gli spettacoli che si sono succeduti durante la notte più lunga dell'anno nei comuni riminesi ed in particolare quelli di Rimini, Riccione, Santarcangelo, Cattolica e Bellaria hanno riempito piazze e centri storici, prosegue la Questura, sottolineando che "i dispositivi di Ordine e Sicurezza Pubblica - con l'impiego sin dal tardo pomeriggio di agenti della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei corpi di Polizia Locale nonché di reparti specializzati (per un totale di oltre 250 unità), unitamente all'impiego di decine di addetti alla sicurezza da parte degli organizzatori (per il solo centro storico di Rimini e zona ponte di Tiberio erano 100 gli addetti alla sicurezza che controllavano borse e zaini) che ha consentito che tutte le fasi di afflusso, stazionamento e deflusso sui luoghi dei singoli eventi fossero attentamente monitorate e si svolgessero in assoluta sicurezza per tutti i partecipanti". Anche l'Esercito Italiano ha contribuito con proprio personale alla sicurezza generale grazie alle pattuglie messe in campo su Rimini, in particolare in centro e alla stazione ferroviaria, nell'ambito dell'operazione ''Strade Sicure''.


QUESTORE: "LAVORO ARTICOLATO PER GESTIRE ORDINE PUBBLICO"

"E' stato un lavoro articolato organizzare la gestione dell'ordine pubblico per il lungo Capodanno con decine di eventi in contemporanea solo nella città di Rimini", ha sottolineato il Questore di Rimini, Maurizio Improta, all'indomani di San Silvestro. I primi dati vedono un'affluenza di pubblico da mezzo milione di persone in tutta la provincia, da Cattolica a Bellaria passando per i comuni dell'entroterra. A Riccione una prima stima vede 100 mila persone per i vari eventi del centro, mentre Rimini supera le 150 mila dello scorso anno arrivando a sfiorare le 200 mila presenze. Sul fronte dell'ordine pubblico il "bilancio è positivo - ha confermato il Questore - grazie anche al grande sacrificio degli uomini e delle donne delle forze dell'ordine pubblico che hanno iniziato il servizio alle 17 del 31 dicembre e smontato alle 8 di Capodanno". Un lavoro di prevenzione "che parte da lontano", ha quindi aggiunto Improta che ha firmato l'ordinanza per la sicurezza del Capodanno. In campo oltre 250 agenti e militari delle forze dell'ordine, che hanno utilizzato anche i metal-detector in vari punti strategici.

Particolare attenzione ai fuochi d'artificio inesplosi, per i quali - si legge nell'ordinanza Improta - se rinvenuti "dovranno essere utilizzate tutte le cautele in attesa del personale specializzato". "Il confronto costruttivo che parte da lontano con le amministrazioni comunali, sotto il coordinamento del prefetto di Rimini ha garantito - ha spiegato il questore - un lavoro di squadra di livello. E questo dimostra che un'attività capillare, una presenza visibile delle forze dell'ordine in piazza, un sapiente gioco di squadra ha potuto garantire alle persone di festeggiare in sicurezza".